Il presidente di IBM afferma che la carenza di chip potrebbe durare altri due anni

MacBook Air aperto

Nuovo dissipatore e cablaggio interno

Come ha spiegato alla BBC il presidente dell'IBM Jim Whitehurst, la carenza di chip potrebbe durare altri due anni. La famosa azienda tecnologica che in passato ha gareggiato con Apple per il progresso e la vendita di personal computer spiega che le sue stime riguardano perdite 110.000 miliardi di dollari quest'anno nel settore automobilistico a causa della mancanza di componenti.

Ma l'industria tecnologica non è esente da problemi e logicamente va detto che il problemi di fabbricazione di chip e microchip che entrano in tutti i dispositivi elettronici che usiamo nella nostra quotidianità.

Da più ritardi nelle spedizioni a carenze sulle linee di produzione

Alla fine, quello che il consumatore nota è che la spedizione richiede molto più tempo del previsto e che le linee di produzione non sono in grado di ottenere i componenti per assemblare i dispositivi e questo avviene in lunghi ritardi al momento delle spedizioni.

Lo vediamo su console, automobili, computer, smartphone, elettrodomestici e tutti i tipi di dispositivi elettronici. È evidente che questo è un problema sia per i produttori che per gli utenti stessi, che sono frustrati nel desiderio di acquistare prodotti a causa della carenza.

Se ora stiamo andando che le aspettative di ritardi sono a lungo termine e che alcuni pensano già che durerà un paio d'anni come nel caso del presidente di IBM diventa un po 'più complicato. 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.