Apple vende 10 milioni di iPhone in meno, e adesso?

Poche ore fa Apple ha riportato i risultati finanziari del secondo trimestre fiscale confermando tutti i presagi: Le vendite di iPhone diminuiscono con quasi 10 milioni di unità vendute in meno e un calo dei profitti dell'8,6%.

Vendite, ricavi e profitti in calo per Apple

Probabilmente è ancora troppo presto e sarebbe più opportuno analizzare più nel dettaglio e con maggior riposo i dati relativi a vendite, ricavi e profitti riportati ieri sera da Apple, tuttavia questi dati non lasciano spazio a dubbi: Sono stati venduti 9,8 milioni di iPhone in meno rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente e circa 24 milioni in meno rispetto al primo trimestre del 2016. Ciò rappresenta un calo del 16% nelle vendite del prodotto di punta dell'azienda.

FONTE | Manzana

FONTE | Manzana

E questo è il motivo principale per calo del reddito e dei profitti riportato da Apple, qualcosa che non succedeva da 13 anniNel 2003, quando iPhone, iPad o Watch non erano nemmeno nella nostra immaginazione.

Apple ha fatturato nella prima metà del suo anno fiscale 126.429 milioni di dollari (rispetto ai 132.609 milioni di dollari dell'anno precedente) con un utile di 28.877 milioni (rispetto ai 31.593 milioni dell'anno precedente) in entrambi i casi, al di sotto di quanto previsto dagli analisti. Pertanto, dall'ottobre dello scorso anno in cui è iniziato l'anno fiscale 2016, I profitti di Apple sono diminuiti dell'8,6%.

Un campanello d'allarme e mancanza di autocritica

Senza dubbio, questa situazione avversa costituisce un ovvio richiamo di attenzione per Apple, e non è il primo perché l'azienda ha già azzardato che i risultati non sarebbero stati troppo buoni. Ma qual è l'atteggiamento dell'azienda adesso.

Da un lato, e nonostante l'innegabile, la società ha voluto rassicurare gli investitori e quindi ha approvato un aumento di 50.000 milioni di dollari nel programma di riacquisto di azioni proprie e del 10% nel dividendo trimestrale, pagando 0,57 dollari per azione il 12 maggio.

Inoltre, Apple mostra una mancanza di autocritica assoluta e, almeno di fronte allo spettatore, sembra guardare dall'altra parte.

Tim Cook giustifica il calo del 26% in Cina affermando che "Non siamo con il vento a nostro favore come un anno fa o 18 mesi fa, ma è comunque un'economia forte" e che "L'anno precedente eravamo cresciuti dell'81% . "

E durante la conferenza sugli utili, Cook si è congratulato con se stesso per i risultati robusti nonostante "una situazione macroeconomica avversa" sia soddisfatto "della forte e continua crescita dei ricavi da servizi", riferendosi a iCloud e Apple Music. "Siamo molto soddisfatti della continua forte crescita dei ricavi dei servizi, grazie all'incredibile forza dell'ecosistema Apple e alla nostra base in crescita di oltre XNUMX miliardo di dispositivi attivi", ha affermato.

E ora quello?

Puoi dire più alto, ma non più chiaro. Apple sta inondando il suo negozio con prodotti e sembra aver mancato l'obiettivo di un obiettivo specifico: borghesia che in qualche modo può permettersi di pagare quasi 500 euro per un iPhone "alleggerito nelle prestazioni" e con un design che ha quasi quattro anni, o classi alte che optano per un orologio da 18.000 euro o semplici cinturini da 750 euro . Nemmeno loro sembrano saperlo.

Ma la chiave è nell'iPhone. Rappresenta il 65% delle vendite, dei ricavi e dei profitti dell'azienda, quindi il suo continuo calo delle vendite è più grave di quanto alcuni siano determinati ad ammettere. La tattica di aumentare il prezzo dell'iPhone ogni anno sta fallendo, così come l'inclusione di un paio di nuove funzionalità e l'affermazione che si tratta di un "nuovo dispositivo". Lo stesso Cook ha affermato che c'è stato un file velocità di aggiornamento più lenta per gli utenti per migrare su iPhone 6S, rispetto a iPhone 6

Quelli che seguono fedelmente Applelized, e soprattutto quelli che ascoltano Apple TalksSai che, anche se non siamo analisti esperti, l'abbiamo avvertito quando Apple si stava ancora congratulando per aver battuto i record di vendita: "tutto ha un limite", "per quanto tempo Apple manterrà questo tasso!" ».

Bene, quel momento è arrivato. Apple ha raggiunto il picco Con l'iPhone, gli utenti sembrano stancarsi del prezzo e del programma di aggiornamento; l'azienda dovrà apportare modifiche perché ora non c'è più Steve Jobs che torna a salvargli il culo.

Dopo la chiusura della sessione a Wall Street, le azioni Apple erano scese dell'8%.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.