Foxconn riapre la sua fabbrica indiana dopo la "punizione" di Apple

Foxconn

Apple vuole dipendere meno dalla Cina, e piano piano "consiglia" ai suoi fornitori di aprire nuovi stabilimenti produttivi in ​​altri paesi, come l'India. Foxconn, uno dei principali assemblatori di Apple, in collaborazione con il governo indiano, ha aperto nuovi stabilimenti in quel Paese, ma ha avuto gravissimi problemi con le condizioni di salute dei suoi lavoratori.

Il governo indiano si è impegnato a costruire e mantenere i dormitori e le sale da pranzo che ospitano le migliaia di lavoratori dello stabilimento Foxconn. Ma il schifoso condizioni di salute di quei rifugi, denunciati pubblicamente un mese fa, hanno fatto arrabbiare Apple al punto da costringere Foxconn a chiudere l'impianto fino a quando il problema non fosse stato risolto. Sembra che la punizione sia entrata in vigore.

Foxconn ha assemblato l'iPhone 12 in India per molto tempo e ora stava testando per farlo con gli ultimi modelli di iPhone. iPhone 13. Ma Apple ha deciso di interrompere immediatamente la produzione nello stabilimento in quel paese a causa dei problemi di salute segnalati dai lavoratori di quella fabbrica.

Il mese scorso, l'agenzia Reuters pubblicato a reportage dove ha spiegato le condizioni antigieniche in cui vivono i lavoratori Foxconn in India. Stipati in baracche affollate, sale da pranzo con cibo avariato e alcuni che dormono per terra, in stanze che ospitano dalle sei alle trenta persone.

Quasi 300 lavoratori intossicati

In quelle date, 259 lavoratori hanno subito a intossicazione per il cibo che era andato a male. Quando la notizia è stata diffusa, Apple ha rapidamente costretto Foxconn a chiudere lo stabilimento fino a quando tutte quelle deplorevoli condizioni degli operai della fabbrica non saranno state risolte. Uno stabilimento di 17.000 lavoratori.

El Gobierno dell'India, responsabile della costruzione delle case di questi lavoratori, si è già attivato e sta per costruire nuovi padiglioni dormitorio. Si stima che ci vorranno due o tre mesi prima che tutti i lavoratori vengano alloggiati in una nuova struttura.

Per il momento la produzione riparte la prossima settimana con poco più di cento dipendenti. E tutto sotto la supervisione Apple, in modo che ciò non accada di nuovo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.